Il prodotto GPL (Gas di petrolio liquefatti) presenta caratteristiche tali da poter soddisfare le esigenze di una società per la quale sono importanti i valori del rispetto dell’ambiente. GPL è il nome commerciale che si utilizza per il propano, il butano e le loro miscele.

È un prodotto puro, ad alto potere calorifico, disponibile per gli utilizzi più diversi grazie alla versatilità di trasporto ed impiego.

Sotto la denominazione di GPL sono indicate miscele di frazione leggere di petrolio che hanno la proprietà di essere gassose alla pressione atmosferica e di liquefare a temperatura ambiente sotto pressioni molto elevate.

Il GPL assume sempre maggiore rilievo tra le fonti di energia disponibili, molto apprezzato per i bassi costi e gli alti rendimenti nei vari usi.

Distribuito in bombole, serbatoi e reti canalizzate, essendo un prodotto a combustione completa, occupa il primo posto tra i combustibili non inquinanti e si caratterizza per l’elevato potere calorifico e per l’uniformità di combustione.



più informazioni >

Ambiente

Il GPL é uno dei combustibili più puliti e possiede eccezionali caratteristiche che contribuiscono al benessere ed alla salvaguardia dell'ambiente. Infatti il GPL prima di essere una fonte di energia versatile, di facile utilizzo ed economica, è soprattutto ecologica, e proprio per questo rappresenta una sicura ed immediata alternativa agli altri combustibili di origine fossile.

I vantaggi ambientali dei combustibili gassosi, e conseguentemente del GPL, sono ben noti agli esperti di tutto il mondo e derivano da un buon numero di ragioni:

- è caratterizzato da un rapporto carbonio / idrogeno relativamente basso;
- è altamente qualificato per il basso livello di impurità (zolfo, acqua, ecc.);
- non è tossico;
- non è corrosivo;
- non contiene idrocarburi aromatici.

Inoltre:
- la movimentazione del GPL avviene "a circuito chiuso", per cui le emissioni di vapori di idrocarburi sono trascurabili, e comunque non incidono sull'"effetto serra";
- poiché il GPL è in fase gassosa a temperatura e pressione ambientali, esso non causa - in caso di rilasci accidentali - inquinamento di acque e suolo;
- l'assenza di tossicità rende il GPL adatto anche per usi ove non ne é richiesta la combustione, ad esempio quale propellente per aerosol in sostituzione dei CFC, ritenuti responsabili della diminuzione della fascia di ozono.

Per quanto riguarda l’uso autotrazione, va evidenziato che il GPL non contiene piombo ed in esso è quasi totalmente assente lo zolfo, caratteristiche che evitano il degradamento dei catalizzatori, mentre l’alto numero di ottano garantisce una alta efficienza dei motori soprattutto nel caso di auto alimentati con solo GPL.

I benefici ambientali del GPL non si limitano però solo al suo uso, ma anche alla sua produzione.
Infatti, il GPL ha un costo energetico per la sua lavorazione inferiore rispetto ai combustibili tradizionali.

Il GPL, grazie alla possibilità di utilizzare anche stoccaggi di dimensioni superiori alla bombola, viene preferito ad altre soluzioni molto più inquinanti non solo da quelle utenze che non possono utilizzare il metano - in quanto dislocate in luoghi inaccessibili alle reti presenti in Italia -, ma anche dalle utenze non continuative durante l’anno.

Sicurezza

Dal punto di vista della sicurezza sono ormai stati raggiunti elevati standard tecnici – nel Settore sia della combustione che dell’autotrazione - che assicurano un uso del GPL in piena sicurezza, garantito da professionisti esperti e qualificati. Sia a livello nazionale che internazionale, infatti, numerose decisioni, nuovi regolamenti e applicazioni tecnologiche sono stati adottati per garantire sempre un maggior livello di sicurezza in tutta la filiera del prodotto dallo stoccaggio nei depositi, al trasporto ed alla distribuzione quotidiana alle utenze finali. In particolare alla fine del 2005 è stata approvata l’attuazione della Direttiva “Seveso 3” sul controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose. La Direttiva individua, nella pianificazione del territorio, un secondo livello di gestione del rischio di incidenti nelle aree interessate dagli stabilimenti “Seveso” (individuati nelle precedenti direttive), in quadro d’azione più articolato che coinvolge lo Stato, le Regioni e gli enti locali. Tra gli obbiettivi focalizzati sulla questione sicurezza è dato largo spazio anche alla formazione dei lavoratori delle imprese subappaltatrici, e ad una più ampia informazione della popolazione.
I gas di petrolio liqiefatti possono essere impiegati in diversi ambiti data la loro facilità di immagazzinaggio, manipolazione e trasporto. Queste caratteristiche agevolano anche lo stoccaggio del prodotto in piccoli contenitori facilmente trasportabili anche in zone disagiate.


informazioni tecniche GPL> › scarica pdf